From Local Identities to European Identity - Progetto co-finanziato dalla Commissione Europea
categoria: / - 18/05/2017

 

Dal 28 Aprile al 1 Maggio scorso si è svolto il quinto incontro del Network culturale di piccoli Comuni Europei "I Care For...Europe" dal titolo "From Local Identities to European Identity" e co-finanziato grazie all'approvazione del progetto presentato dal Comune di Stolac per il bando del 1° Settembre 2016 e approvato dall'EACEA per conto della Commissione Europea. All'incontro hanno partecipato delegazioni dei Comuni di Aquileia, Tarcento e Recanati (Italia), Piran (Slovenia), Rakovica (Croazia),Bač (Serbia), Čapljina e Stolac (Bosnia-Erzegovina) per un totale di oltre 240 persone, di cui circa il 30% giovani delle scuole dell'obbligo. Particolare importanza è stata data al tema della valorizzazione del patrimonio culturale "immateriale", uno degli aspetti di base delle identità locali, e di come la condivisione e conoscenza reciproca permetta di comprendere più concretamente lo spirito autentico e i valori di base dell'Europa.



Dal 28 Aprile al 1 Maggio scorso si è svolto il quinto incontro del Network culturale di piccoli Comuni Europei "I Care For...Europe", dal titolo "From Local Identities to European Identity" e co-finanziato grazie all'approvazione del progetto presentato dal Comune di Stolac per il bando del 1° Settembre 2016 e approvato dall'EACEA per conto della Commissione Europea (unico progetto approvato con comune bosniaco-erzegovese leader partner). 
  
         Workshop per stakeholders a Stolac          Esibizione danze tradizionali Čapljina                 Visita di Mostar

All'incontro hanno partecipato delegazioni dei Comuni di Aquileia, Tarcento e Recanati (Italia), Piran (Slovenia), Rakovica (Croazia), Bač (Serbia), Čapljina e Stolac (Bosnia-Erzegovina) per un totale di oltre 240 persone, di cui circa il 30% giovani delle scuole dell'obbligo. Particolare importanza è stata data al tema della valorizzazione del patrimonio culturale "immateriale", uno degli aspetti di base delle identità locali, e di come la condivisione e conoscenza reciproca permetta di comprendere più concretamente lo spirito autentico e i valori di base dell'Europa.
Dopo la cena di benvenuto del 28 aprile, la mattina del 29 ogni delegazione ha presentato le maggiori tradizioni culturali locali, attraverso presentazioni creative che hanno visto protagonisti i ragazzi di ogni delegazione e nel pomeriggio si è tenuto un approfondito workshop sul patrimonio immateriale gestito da Adriatic Greenet e ISIG, l'Istituto di Sociologia Internazionale di Gorizia che da anni collabora con il nostro network. Il 30 aprile invece è stato dedicato alla conoscenza del territorio. I partecipanti hanno potuto visitare alcune delle principali valenze culturali di Stolac e Čapljina, quali la Necropoli medievale di Radimlija (dal 2016 dichiarata dall'UNESCO patrimonio dell'umanità), la fortezza di Stolac, il borgo di Pocitelj, il monastero dei Dervisci -Tekija- a Blagaj, il centro storico di Mostar.